Eventi Regionali
Strumenti
Carattere

 

Domenica 1 dicembre si è tenuta a Pieve di Cento presso il Palacavicchi la 19a Convocazione Regionale del Rinnovamento nello Spirito.

Il tema “Convertitevi e ricevete il dono dello Spirito Santo” è stato introdotto dal coordinatore regionale Antonio Baldini mentre la catechesi è stata sviluppata dal presidente del movimento, Salvatore Martinez, che ha ricordato più volte:

“Convertitevi!

Cosa possiamo fare?

Convertitevi!

È lo Spirito che suscita il desiderio della conversione. Cristo, assiso alla destra di Dio, lo ha effuso e voi ne siete testimoni.

Non ho detto ‘e voi lo potete vedere e sentire’

Perché voi lo avete già ricevuto.

Noi non sentiamo per la prima volta questa Promessa, questa Parola.

Questo Gesù è potente, operante vivo e si può sentire.

Proviamo ad attualizzare questa Parola.

Convertitevi.

È Amore, un Nuovo Amore.

È una Parola data a credenti.

Convertiti, significa opera una svolta, un’amore di svolta. Devi cambiare vita, è una conversione permanente. Un amore di Ri-partenza.

Comincia un nuovo quadriennio. Cambiamo la rotta se la rotta non è giusta, perché la nave è incagliata, non si muove, Conversione significa Amore di Ripartenza, ripartiamo.

Perché volete morire nei vostri peccati?

Il peccato porta alla morte.”

Martinez ha aggiunto, durante la Catechesi: “Convertitevi, un monito che è l’unica via che può suscitare in noi lo Spirito Santo, senza il quale non è possibile la salvezza. Lo Spirito effuso su di noi ci rende di fatto testimoni”

Questa esortazione ha fatto da leitmotiv a tutta la catechesi ed è infine tornata nel Roveto Ardente dove la grande famiglia del Rinnovamento nello Spirito dell’Emilia Romagna ha pregato con forza dirompente una nuova discesa dello Spirito.

La celebrazione che ha visto la tanto attesa presenza del Cardinale Zuppi ha suggellato un invito da parte di Martinez alla prossima Convocazione Nazionale prevista dal 1 al 3 maggio a Rimini. Così ci ha detto il Cardinale Zuppi: “le differenze devono diventare momento di dialogo, di stima, di arricchimento, dovremmo riuscire ad aprire il cuore; quando invece si chiude è perché ci si mette paura per i pregiudizi o per l’ignoranza o appunto per l’odio virale che circola su Internet. La lettura di oggi di Isaia è affidata ad ognuno di noi: cominciamo a trasformare nel nostro cuore le lance in vomeri, le spade in falci, e a vincere dentro di noi l’arte della guerra. Tutto questo inizia sempre con un bimbo che nasce in ognuno di noi”.

Zuppi ha aggiunto “la Chiesa è sempre vicina alla sua gente, con loro resiste sempre, come i tanti martiri di questo nostro tempo che scelgono di restare accanto alle comunità e alle proprie realtà. Quest’anno ricorre il 75esimo anniversario dell’eccidio di Marzabotto, dove molte persone hanno perso la vita; la sfida è quella di costruire la pace e spegnere i tanti incendi di guerra intorno a noi.

Il monito di Marzabotto è quello di chiedere a noi, che abbiamo goduto della pace, di essere uomini di pace; non dobbiamo mai abituarci alla violenza.”

Maria Luisa Spinello

 

  Antonio Baldini, coordinatore Regionale

 Salvatore Martinez, Presidente Nazionale del Rinnovamento nello Spirito Santo

 Card. Matteo Maria Zuppi, Arcivescovo di Bologna